Presentazione del VI Rapporto sulla Qualità dell’Ambiente Urbano

altArrivano il Rapporto Rifiuti 2009 e il VI Rapporto sulla Qualità dell’ambiente urbano, che verranno presentati dall’ISPRA – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale il prossimo 28 e 29 aprile 2010 presso l’Auditorium ISPRA di Roma, sito in via Curtatone 7.

Giunto alla sua dodicesima edizione, il Rapporto Rifiuti 2009 presenta i dati, aggiornati al 2008, sulla produzione e la gestione dei rifiuti urbani in Italia. Tra i tanti, emerge un dato in particolare: nel 2008, per la prima volta dal 1996 ad oggi, si è arrestata la crescita della produzione di rifiuti urbani in Italia. Il report annuale dell’ISPRA si conferma come un efficace e completo sistema conoscitivo sull’intero ciclo di vita dei rifiuti: dalla produzione e raccolta, fino allo smaltimento e alle diverse modalità di recupero. Le informazioni sono il frutto di un complesso lavoro di acquisizione, elaborazione e validazione effettuato dall’ISPRA a livello nazionale, regionale, provinciale e dei comuni.

L’edizione 2009 del Rapporto sulla Qualità dell’Ambiente Urbano è un’analisi che vede rappresentate tutte e venti le regioni italiane e offre i dati relativi al monitoraggio ambientale di 34 città italiane sulle tematiche suolo, rifiuti, acqua, aria, trasporti e mobilità, inquinamento acustico ed elettromagnetico. Il report è frutto del lavoro congiunto del Sistema delle Agenzie Ambientali (ISPRA/ARPA/APPA), condiviso anche con ANCI: una collaborazione che rende solido, trasparente e quindi autorevole il percorso che va dal monitoraggio e controllo del territorio su scala locale all’analisi e reporting a livello nazionale. Il Focus del Rapporto è dedicato alle “Buone pratiche”: azioni ambientali che si possono esportare da una realtà locale ad un’altra, permettendo ad un comune, una comunità o un’amministrazione di muoversi verso forme di gestione sostenibile. Le presentazioni dei Report saranno presiedute dal Commissario dell’ISPRA, Prefetto Vincenzo Grimaldi, e dal sub Commissario Stefano Laporta.

Fonte: www.isprambiente.it
Il programma