Seismic, primo focus group del progetto a Napoli. Galeone (Anci-Cittalia): confronto fra stakeholders decisivo per l’Agenda urbana nazionale e Ue

Entra nel vivo il progetto europeo Seismic, che vede Cittalia fra i partner, con l’organizzazione del primo dei tre focus group locali, che ha avuto luogo a Napoli il 7 aprile. Favorire il dialogo fra gli stakeholders del territorio sul futuro della città e sugli elementi comuni per una politica urbana europea e nazionale è l’obiettivo di questa serie di incontri che continuerà con gli appuntamenti di Roma e Bologna, previsti rispettivamente il 16 e 22 aprile.

Mettere i residenti al centro dei processi di rigenerazione urbana e puntare su mobilità sostenibile e riuso degli spazi per garantire una migliore qualità urbana sono le priorità rilanciate dal confronto che ha visto protagonisti funzionari locali, urbanisti, startupper, docenti universitari e comunicatori: un incrocio di competenze e saperi diversi chiamati ad immaginare le sfide che le città dovranno affrontare da oggi al 2040 che comporranno il nucleo centrale della Rete nazionale di Seismic, il cui lancio è previsto per luglio.

“Con questo progetto – afferma il segretario generale di Anci-Cittalia Pierciro Galeone – stiamo favorendo il confronto fra diversi portatori di saperi urbani fornendo un contributo creativo e di visione strategica alla creazione di un’Agenda urbana europea. Le suggestioni emerse nel corso di questi incontri – prosegue – sintetizzano la complessità di competenze ed esperienze che emergono nelle nostre città metropolitane, fornendo utili spunti anche in vista del rilancio di un’Agenda urbana nazionale, che non può prescindere dal confronto con chi realizza ogni giorno le reali condizioni di partenza per la crescita sostenibile delle nostre città sul medio e lungo periodo”.

Leggi lo Storify del focus group a Napoli