Al via il ciclo di formazione del progetto europeo “No tratta”

Si apre a Roma il 13 e 14 marzo il primo ciclo di incontri formativi “Vittime di tratta e richiedenti-titolari di protezione internazionale: due sistemi a confronto” nell’ambito del progetto europeo “No tratta” che vede Cittalia impegnata come capofila di un partenariato composto da Gruppo Abele e Associazione On The Road e dai partner associati Dipartimento pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Università degli studi di Padova (Centro interdipartimentale sui diritti umani) e il Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del Ministero dell’Interno. Gli incontri, che si svolgeranno rispettivamente il 13 marzo presso la Sala Biblioteca del Centro Documentazione e Studi Comuni italiani Anci/Ifel (Via di Campo Marzio 24) e il 14 marzo presso la Sala Conferenze dell’Anci (via dei Prefetti 46) si rivolgono agli operatori della rete territoriale dello SPRAR, ad esperti che si occupano dei temi legati alla tratta delle persone e all’asilo nonché alle prefetture e forze di polizia al fine di integrare le diverse pratiche di intervento.
Ad aprire i lavori della due giorni sarà la direttrice del Servizio centrale dello SPRAR Daniela Di Capua a cui seguirà l’intervento del presidente dell’associazione On the road Vincenzo Castelli che illustrerà il sistema nazionale di protezione sociale per le vittime di tratta in Italia. Ad analizzare e a descrivere invece la normativa sulla tratta, la protezione internazionale e le possibili correlazioni tra i due ambiti saranno gli avvocati Michela Manente dell’associazione On the road e Loredana De Leo dell’associazione studi giuridici sull’immigrazione (ASGI).
Nel corso dei workshop formativi saranno toccati anche i temi legati all’individuazione di indicatori ed interventi per una corretta identificazione e presa in carico delle vittime di tratta e gli strumenti per una comparazione tipologica tra vittime di tratta e richiedenti/titolari di protezione internazionale.

Programma