1 ISTITUZIONI E TERZO SETTORE STUDI & APPROFONDIMENTI

ISTITUZIONI E TERZO SETTORE

STUDI & APPROFONDIMENTI

I servizi alla persona al tempo dell’emergenza sanitaria

Il documento è frutto di un questionario che ANCI e IFEL, in collaborazione con la Fondazione Cittalia, hanno trasmesso agli enti locali in merito al tema dei servizi sociali e a come è stata affrontata la recente situazione emergenziale. Dalle risposte al questionario sono emerse le sfide in termini di rapidità di intervento, rapporto con il Terzo settore e quadro normativo, che dovranno essere affrontate a livello locale e nazionale.

I servizi alla persona al tempo della crisi

Linee guida per l’intervento e la costruzione di reti tra i servizi sociali dei comuni e i centri antiviolenza

Il documento, nato dall’accordo tra ANCI e D.i.Re – Donne in Rete, nell’impegno comune verso la prevenzione e il contrasto della violenza maschile contro le donne, contiene alcune linee guida per definire interventi specifici più efficaci anche attraverso la costruzione di una rete tra i servizi sociali dei Comuni e dei Centri Antiviolenza attivi sul territorio.

Linee guida

“Asili nido a Roma. La distribuzione per zone urbanistiche della domanda e dell’offerta dei servizi per la prima infanzia nella Capitale”

Il report, a cura dell’impresa sociale Con i Bambini e della Fondazione Openpolis, si inserisce nell’ambito dell’Osservatorio sulla povertà educativa minorile ed è volto all’analisi della distribuzione, divisa per zone urbanistiche, della domanda e dell’offerta dei servizi per la prima infanzia nella città metropolitana di Roma Capitale.

“Asili nido a Roma.La distribuzione per zone urbanistiche della domanda e dell’offerta dei servizi per la prima infanzia nella Capitale”

Osservatorio povertà educativa #Conibambini

L’osservatorio sulla povertà educativa minorile, nato dalla collaborazione tra l’impresa sociale “Con i Bambini” e Fondazione Openpolis, è volto a promuovere un dibattito informato sulla condizione dei minori in Italia, a partire dalle opportunità educative, culturali e sociali offerte, per aiutare il decisore attraverso l’elaborazione di analisi e approfondimenti originali e affinché venga creata una banca dati che consenta l’analisi di questi fenomeni su scala comunale o sub-comunale.

Vai alla pagina web del sito dell’impresa sociale Con i Bambini

“Dalle storie ai bisogni. Dare voce alle famiglie straniere nei servizi educativi per l’infanzia”, Mirca Ognisanti, 2018

Attraverso questo studio il Centro Interculturale RiESco si interroga sulla capacità del sistema educativo e dei servizi per l’infanzia di far fronte alla pluralità e alla complessità delle domande e dei bisogni delle famiglie straniere, per valutare l’inclusione nelle scuole e nei servizi educativi della città di Bologna.

Vai alla pagina web del Centro Nazionale di Documentazione e Analisi per l’Infanzia e l’Adolescenza

Il contrasto alla marginalità adulta del Comune di Palermo

La giunta comunale di Palermo ha approvato, nel maggio 2019, una delibera per la ripartizione delle risorse/quote servizi Fondo Povertà destinate a finanziare interventi e servizi in favore di persone in grave marginalità adulta, in condizioni di povertà estrema e senza fissa dimora, con l’obiettivo di superare l’approccio emergenziale e di promuovere un percorso di autonomia.

 Il contrasto alla marginalità adulta del Comune di Palermo

Applicazione art.48 DL.18/2020 dopo DL.34/2020
Nota di lettura delle bozze degli atti per la rimodulazione dei servizi mediante co-progettazione

ANCI Emilia-Romagna e Regione Emilia-Romagna, alla luce dei correttivi all’art.48 del Decreto Cura Italia, introdotti dall’art.109 del Decreto Rilancio, hanno messo a disposizione degli enti locali del proprio territorio regionale le bozze degli atti per procedere alla rimodulazione dei servizi mediante co-progettazione. In particolare sono stati messi a disposizione le bozze di delibera di indirizzi, di determina di avvio del procedimento, di verbale di sessione di co-progettazione, di determina di conclusione del procedimento e dello schema di addendum contrattuale

NOTA di LETTURA

BOZZE: DELIBERA / determina_AVVIO / determina_CHIUSURA / schema_ADDENDUM / verbale_CO-PROGETTAZIONE

Unire le forze: il Piano Sociale 2018-2020 del Municipio VII di Roma

L’amministrazione del Municipio Roma VII, nato dall’accorpamento dei municipi ex-IX ed ex-X, opera in uno dei territori capitolini più popolosi, caratterizzato da un tessuto urbanistico e sociale molto disomogeneo. Nel Piano Sociale 2018-2020 si enfatizzano le azioni traversali di contrasto alla povertà e marginalità estrema e si individuano, per le persone vulnerabili, servizi a bassa soglia e di accoglienza, di accompagnamento e di assistenza domiciliare (barbonismo domestico). 

ROMA Municipio VII piano sociale 2018-2020

L’Accordo Quadro romano per la riduzione della povertà e la marginalità grave

Il Dipartimento Politiche Sociali di Roma Capitale – Direzione Accoglienza e Inclusione intende realizzare, entro il 2023, un sistema d’accoglienza di contrasto alla grave marginalità sociale e la programmazione dei servizi a esso afferenti. L’obiettivo specifico è quello di erogare servizi di accoglienza a persone in condizioni di fragilità estrema e senza dimora presenti sul territorio, ovvero attivare azioni concrete e integrate di contrasto all’esclusione e alla marginalità grave.

Accordo Quadro Roma

INSPIRE – INnovative Services for fragile People in RomE:
L’impatto dei servizi innovativi sulla popolazione fragile a Roma

Il comune di Roma, nel 2016, ha incluso nella pianificazione sociale territoriale INSPIRE, il progetto promosso da Roma Capitale e finanziato dalla Commissione Europea tramite il programma EaSI. Già a partire dal 2014 l’iniziativa è attiva sul territorio con la finalità di sperimentare servizi innovativi di sostegno alla fragilità sociale. Nel 2018 sono stati pubblicati i primi risultati sull’impatto delle azioni intraprese sui servizi offerti.

INSPIRE Roma

Report di e-Care Ferrara sulla “Mappatura del Terzo settore a supporto della popolazione anziana fragile in provincia di Ferrara”

Nell’ambito della convenzione e-Care 2014, AUSL Ferrara in collaborazione con CUP 2000 ha realizzato una mappatura del Terzo settore e delle azioni che vengono messe in campo nella cura e nell’assistenza della popolazione fragile per individuare i soggetti e i caregiver che si occupano degli anziani sia nelle attività socio-assistenziali che in quelle ludico-ricreative e culturali .

Report Mappatura_Terzo_Settore_FERRARA

I servizi sociali rivolti alle persone non autosufficienti: l’offerta degli enti non profit
Articolo della rivista online “I luoghi della cura” (2020)

A partire dai risultati dell’ultima indagine dell’Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche, l’articolo propone un’analisi delle organizzazioni non profit impegnate nel settore della non autosufficienza. Fra gli aspetti indagati vi sono i servizi offerti, la tipologia giuridica dei provider, la distribuzione territoriale e le risorse umane impiegate.

I-servizi-sociali-rivolti-alle-persone-non-autosufficienti-l’offerta-degli-enti-non-profit

Terzo Settore vs emergenza Covid-19

Nell’articolo pubblicato su welforum.it, Gianfranco Marocchi riflette sul ruolo del terzo settore e sulle attività da esso promosse nel periodo di emergenza sanitaria. Un’attenzione particolare è dedicata al Decreto Cura Italia e ai provvedimenti che riguardano il settore del no-profit.

Terzo Settore vs emergenza Covid-19

Partecipazione alla costruzione dei sistemi di servizi sociali 

In questo contributo di Anci Toscana e Federsanità si riflette sui temi della co-progettazione, dell’accreditamento e del convenzionamento, tre strumenti che consentono un ampio processo di partecipazione attiva e organizzata all’implementazione del sistema integrato dei servizi sociali.

Partecipazione alla costruzione dei sistemi di servizi sociali

Linee guida programmatiche per il governo del Municipio Roma I Centro    per il 2016 / 2021 

La lunga crisi economica che ha investito il nostro paese ha prodotto un impatto significativo sull’offerta dei servizi, sui bilanci degli enti locali e sullo stato socio-economico delle persone. L’amministrazione del Municipio Roma I si è interrogata sulle possibili strategie di welfare locale da intraprendere proponendo un lavoro di rete istituzionale, insieme al terzo settore, che presenta come valore aggiunto le azioni intraprese volte a mitigare i fenomeni connessi al disagio e alla povertà.
Linee_Programmatiche_2016_-_2021_definitivo

Piano Nazionale Integrazione 2017

Nel 2017 è stato elaborato dal Tavolo di coordinamento nazionale insediato presso il Ministero dell’Interno il primo Piano nazionale d’integrazione rivolto ai beneficiari di protezione internazionale, per la cui realizzazione si richiedeva il contributo di amministrazioni centrali, di livello internazionale ma anche locale, e del Terzo settore. Attualmente è in corso una ricognizione dei risultati del Piano e l’elaborazione di un suo aggiornamento.

Piano Nazionale Integrazione 2017

Una cassetta degli attrezzi per la costruzione di politiche pubbliche partecipate e condivise

In un percorso di accompagnamento alla conoscenza e all’utilizzo degli strumenti previsti dal Codice del Terzo settore la Regione Emilia-Romagna, con il supporto dell’Agenzia Regionale Socio-sanitaria e di ARTER, raccoglie in un documento, organizzate in una sorta di “cassetta degli attrezzi”, alcune bozze di atti per l’attivazione di procedimenti di co-programmazione e co-progettazione, di stipula di convenzioni e di valorizzazione di beni culturali immobili.

Documento complessivo 21_10_2019

Affidamento dei servizi sociali: i requisiti di partecipazione alle gare e le forme di partecipazione (11 marzo 2019)

Dopo un inquadramento generale dei requisiti di partecipazione alle gare, la formazione è proseguita con l’approfondimento delle forme di partecipazione ammissibili, come le ATI, le cooperative sociali e i consorzi, gli avvalimenti, i contratti di rete e i subappalti. 

Scarica le slide e rivedi la registrazione alla pagina web della Fondazione IFEL

Slide – Affidamento servi sociali. I requisiti

Affidamento dei servizi sociali: forme e strumenti di relazione fra P.A. ed Enti di terzo settore nel Codice del Terzo settore (8 maggio 2019)

Nel corso del webinar sono state approfondite le forme di coinvolgimento e gli strumenti di relazione tra le pubbliche amministrazioni e gli enti del Terzo settore alla luce del Codice del Terzo settore, in particolare la co-programmazione, la co-progettazione, l’accreditamento, le convenzioni con le ASP (associazioni di promozione sociale) e le OVD (organizzazioni di volontariato). 

Scarica le slide e rivedi la registrazione alla pagina web della Fondazione IFEL

Slide-Affidamento servizisociali. Forme e strumenti

Affidamenti di servizi sociali: consultazione sulle Linee Guida ANAC (27 maggio 2019)

Per chiarire il quadro normativo venutosi a delineare in seguito all’entrata in vigore del d.lgs. 50/2016, del decreto correttivo 56/2017 e del codice del Terzo settore, l’ANAC ha avviato una consultazione sulla proposta di aggiornamento della delibera n. 32/2016, recante “linee guida per l’affidamento di servizi a enti del terzo settore e alle cooperative sociali”. Nel corso del webinar sono stati analizzati i contenuti dello schema di linee guida di particolare rilievo per gli enti locali. 

Scarica le slide e rivedi la registrazione alla pagina web della Fondazione IFEL

Slide – Affidamenti servizi sociali. linee Guida Anac