1 WELFARE LOCALE STUDI & APPROFONDIMENTI

WELFARE LOCALI

STUDI & APPROFONDIMENTI

I servizi alla persona al tempo dell’emergenza sanitaria

Il documento è frutto di un questionario che ANCI e IFEL, in collaborazione con la Fondazione Cittalia, hanno trasmesso agli enti locali in merito al tema dei servizi sociali e a come è stata affrontata la recente situazione emergenziale. Dalle risposte al questionario sono emerse le sfide in termini di rapidità di intervento, rapporto con il Terzo settore e quadro normativo, che dovranno essere affrontate a livello locale e nazionale.

I servizi alla persona al tempo della crisi

“Asili nido a Roma. La distribuzione per zone urbanistiche della domanda e dell’offerta dei servizi per la prima infanzia nella Capitale”

Il report, a cura dell’impresa sociale Con i Bambini e della Fondazione Openpolis, si inserisce nell’ambito dell’Osservatorio sulla povertà educativa minorile ed è volto all’analisi della distribuzione, divisa per zone urbanistiche, della domanda e dell’offerta dei servizi per la prima infanzia nella città metropolitana di Roma Capitale.

“Asili nido a Roma.La distribuzione per zone urbanistiche della domanda e dell’offerta dei servizi per la prima infanzia nella Capitale”

Povertà assoluta: il progetto PON-Te della realtà bergamasca

In occasione della giornata mondiale della lotta contro la povertà 2019 sono stati presentati i risultati del “Progetto PON-Te” del Comune di Bergamo, un esempio di co-progettazione e di creazione di una rete integrata di servizi e interventi per persone senza fissa dimora. Durante la fase pandemica i servizi sono stati potenziati per far fronte all’emergenza che ha segnato violentemente la comunità bergamasca.

Risultati del progetto PON-Te

 “Linee guida inerenti finalità e funzioni dei Centri per le Famiglie in Piemonte, approvazione ai sensi della d.g.r. n. 25-1255 del 30.03.2015”

Deliberazione della Giunta Regionale 4 agosto 2016, n. 89-3827 contenete le Linee guida inerenti finalità e funzioni dei Centri per le Famiglie della regione Piemonte, servizi istituiti dalla Regione Piemonte con L.R. 1/2004 e rivolti a tutte le famiglie del territorio per promuovere il ruolo sociale, educativo e di cura della famiglia e la realizzazione di azioni diversificate a sostegno della genitorialità.

Regione Piemonte-Deliberazione della Giunta Regionale 4 agosto 2016, n. 89-3827

“L’assistenza domiciliare educativa per minori”

Il report, a cura dell’Ufficio di Piano dell’Ambito territoriale n°5 della provincia di Bari, in collaborazione con la società cooperativa sociale “Occupazione e solidarietà”, è incentrato sui servizi di assistenza educativa domiciliare attivati nei comuni di Adelfia, Capurso, Triggiano, Cellamare e Valenzano.

“L’assistenza domiciliare educativa per minori”

“La faticosa conquista dell’imperfezione”, Piera Bevolo

Lo studio, frutto della riflessione comune di pediatre, ginecologhe, ostetriche e psicologhe, costruito nel corso del lavoro svolto all’interno del Consultorio familiare dell’Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia, è dedicato ai percorsi delle coppie che si accingono a diventare genitori affinché possano vivere al meglio questa esperienza.

Vai al pdf “La faticosa conquista dell’imperfezione” sul sito dell’Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia

I comuni e la gestione degli interventi di solidarietà alimentare

La rilevazione, condotta dalla Fondazione Cittalia ed effettuata consultando gli atti pubblicati, quali delibere di giunta, determine e avvisi pubblici, di un campione stratificato rappresentativo dei comuni italiani, fornisce informazioni relative agli interventi realizzati, l’iter amministrativo seguito dai Comuni nella gestione degli interventi di solidarietà alimentare.

I servizi alla persona al tempo della crisi

Guarda il video sul canale youtube della Fondazione Cittalia

La salute nelle città al tempo del Coronavirus (5 maggio 2020)

Alla luce dei profondi cambiamenti che l’emergenza da Coronavirus ha determinato relativamente alle modalità di intervento degli amministratori locali nel settore socio-assistenziale e sanitario, il webinar di Anci, Ifel e AnciComunicare vuole articolare una riflessione compiuta sulla salute nelle città come bene comune, focalizzandosi sul tema della fragilità sociale che questa emergenza porta con sé e di come sono cambiati in questa fase gli strumenti e i messaggi della comunicazione istituzionale.

Scarica le slide e rivedi la registrazione alla pagina web della Fondazione IFEL

RdC: che cosa continua e cosa cambia nell’emergenza. Il contributo di due ricercatrici dell’IRS

Eleonora Gnan e Carla Dessi, ricercatrici presso l’Istituto per la Ricerca Sociale (IRS), nel loro articolo pubblicato anche su welforum.it riflettono sull’impatto dell’emergenza Covid sui servizi, con particolare riferimento al Reddito di Cittadinanza. Le studiose analizzano le nuove norme attuative e procedurali segnalando interessanti trasformazioni degli assetti organizzativi dei servizi.

RDC_ che-cosa-prosegue-e-cosa-cambia-nellemergenza_ lombardia sociale

Contrasto alla povertà e inclusione sociale. Una ricerca del 2019 di Ires Piemonte

Nella relazione annuale 2019 di Ires Piemonte si riporta uno studio sull’andamento dei principali fenomeni socioeconomici e territoriali che caratterizzano le realtà locali. Il lavoro si apre con un’analisi sul benessere delle famiglie e sulle risposte che i diversi livelli di governo forniscono alle condizioni di disagio familiare e individuale. Il testo presenta un’appendice comprendente tutti i regolamenti comunali dell’assistenza economica.

Contrasto alla povertà e inclusione sociale 2019_ piemonte

Le Statistiche dell’Istat sulla povertà assoluta nel 2018

Nel 2018 si stima siano oltre 1,8 milioni le famiglie in condizioni di povertà assoluta, con un’incidenza pari al 7,0%, per un numero complessivo di 5 milioni di individui (8,4% del totale). Pur rimanendo ai livelli massimi dal 2005, si arresta dopo tre anni la crescita del numero e della quota di famiglie in povertà assoluta. Le famiglie in condizioni di povertà relativa nel 2018 sono poco più di 3 milioni (11,8%), quasi 9 milioni di persone (15,0% del totale).

ISTAT – La povertà in Italia 2018

Unire le forze: il Piano Sociale 2018-2020 del Municipio VII di Roma

L’amministrazione del Municipio Roma VII, nato dall’accorpamento dei municipi ex-IX ed ex-X, opera in uno dei territori capitolini più popolosi, caratterizzato da un tessuto urbanistico e sociale molto disomogeneo. Nel Piano Sociale 2018-2020 si enfatizzano le azioni traversali di contrasto alla povertà e marginalità estrema e si individuano, per le persone vulnerabili, servizi a bassa soglia e di accoglienza, di accompagnamento e di assistenza domiciliare (barbonismo domestico). 

ROMA Municipio VII piano sociale 2018-2020

L’Accordo Quadro romano per la riduzione della povertà e la marginalità grave

Il Dipartimento Politiche Sociali di Roma Capitale – Direzione Accoglienza e Inclusione intende realizzare, entro il 2023, un sistema d’accoglienza di contrasto alla grave marginalità sociale e la programmazione dei servizi a esso afferenti. L’obiettivo specifico è quello di erogare servizi di accoglienza a persone in condizioni di fragilità estrema e senza dimora presenti sul territorio, ovvero attivare azioni concrete e integrate di contrasto all’esclusione e alla marginalità grave.

Accordo Quadro Roma

INSPIRE – INnovative Services for fragile People in RomE:
L’impatto dei servizi innovativi sulla popolazione fragile a Roma

Il comune di Roma, nel 2016, ha incluso nella pianificazione sociale territoriale INSPIRE, il progetto promosso da Roma Capitale e finanziato dalla Commissione Europea tramite il programma EaSI. Già a partire dal 2014 l’iniziativa è attiva sul territorio con la finalità di sperimentare servizi innovativi di sostegno alla fragilità sociale. Nel 2018 sono stati pubblicati i primi risultati sull’impatto delle azioni intraprese sui servizi offerti.

INSPIRE Roma

L’assistenza agli anziani non autosufficienti in Italia, 6° Rapporto di Network Non Autosufficienza (2017)

L’assistenza agli anziani non autosufficienti in Italia, 6° Rapporto di Network Non Autosufficienza (2017)

6_RAPPORTO_ASSISTENZA ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI_2018

Voltiamo pagina sull’assistenza agli anziani in casa” (2020)

Nell’articolo le riflessioni di Cristiano Gori alla luce del D.L. “Rilancio”. L’aumento dei fondi destinati alla domiciliarità delle persone anziane e non autosufficienti nel secondo semestre 2020 rende urgente e necessario un ripensamento e una riorganizzazione dei servizi domiciliari sulla base dei nuovi bisogni e alla luce di quanto accaduto durante l’emergenza sanitaria Covid-19.

Assistenza domiciliare agli anziani

Focus del 2018 sulla non autosufficienza in Campania 

La Campania risulta la regione con il minor indice di vecchiaia a livello nazionale. Tuttavia la combinazione degli elevati tassi di disoccupazione e la tendenza allo spopolamento per le fasce in età lavorativa rendono necessarie politiche di integrazione socio-sanitaria a favore di anziani fragili e non autosufficienti, rispetto alle quali sono più carenti i servizi. Tra gli interventi socio-assistenziali programmati risultano strategici i servizi domiciliari.

CISL NONAUTOSUF

La popolazione anziana e la rete dei servizi per anziani non autosufficienti nella provincia di Modena.
Paper della Fondazione Ermanno Gorrieri per gli studi sociali (2011)

Lo studio, condotto dalla Fondazione Ermanno Gorrieri sugli over 65 e la rete dei servizi per anziani non autosufficienti della provincia di Modena, è articolato in cinque sezioni e analizza sia gli aspetti demografici e le tendenze future della popolazione anziana, sia i servizi per gli anziani nel modenese, evidenziane le criticità. 

Fondazione E. Gorrieri_RapportoRicercaAnziani

Manifesto del servizio sociale nel welfare locale

Il contributo, elaborato dal gruppo territoriale composto da assistenti sociali che operano nel territorio del comune di Bergamo, ha come focus il ruolo del servizio sociale professionale in un contesto di welfare locale e si pone come fine la promozione della cittadinanza attiva e dello sviluppo di comunità nel rispetto dei principi di solidarietà, sussidiarietà, partecipazione e cittadinanza.

 

Bergamo – Manifesto del servizio sociale nel welfare locale

Partecipazione alla costruzione dei sistemi di servizi sociali 

In questo contributo di Anci Toscana e Federsanità si riflette sui temi della co-progettazione, dell’accreditamento e del convenzionamento, tre strumenti che consentono un ampio processo di partecipazione attiva e organizzata all’implementazione del sistema integrato dei servizi sociali.

Partecipazione alla costruzione dei sistemi di servizi sociali

Punti Unici di Accesso Distrettuali e Punti Unici di Accesso Comunali:
le procedure operative istituite dal Distretto Socio Sanitario LT4

Nel marzo 2020 il Distretto Socio Sanitario LT4 ha istituito i Punti Unici di Accesso Distrettuali e i Punti Unici di Accesso Comunali che costituiscono una rete di accoglienza per le persone presenti nei Comuni di Campodimele, Fondi, Lenola, Monte San Biagio, San Felice Circeo, Sperlonga e Terracina. Il documento comprende sia le procedure di accesso ai servizi socio-sanitari per i cittadini sia una guida operativa per gli operatori che lavorano sul territorio.

Fondi_ pua e accesso comunale

Linee guida programmatiche per il governo del Municipio Roma I Centro    per il 2016 / 2021 

La lunga crisi economica che ha investito il nostro paese ha prodotto un impatto significativo sull’offerta dei servizi, sui bilanci degli enti locali e sullo stato socio-economico delle persone. L’amministrazione del Municipio Roma I si è interrogata sulle possibili strategie di welfare locale da intraprendere proponendo un lavoro di rete istituzionale, insieme al terzo settore, che presenta come valore aggiunto le azioni intraprese volte a mitigare i fenomeni connessi al disagio e alla povertà.
Linee_Programmatiche_2016_-_2021_definitivo

Piano cittadino sul carcere del Comune di Padova 

Dal 2015 il Comune di Padova monitora ogni anno l’andamento del Piano cittadino sul carcere, che si argomenta in programmi d’intervento all’interno degli istituti di pena al fine di migliorare la vita carceraria, offrire opportunità di formazione al lavoro e apprendimento sociale ed educativo; mentre all’esterno per fornire occasioni di inserimento sociale e professionale alle persone detenute ed ex detenute.

Padova Piano Carcere 

Linee guida per le attività afferenti alle aree salute, politiche sociali e abitative della Città di Torino

Il Comune di Torino, allo scopo di promuovere la partecipazione, la responsabilizzazione e la valorizzazione delle risorse di comunità e delle reti di prossimità, ha stilato delle linee guida per sostenere attività specifiche relative a particolari tematiche o aree di intervento dell’amministrazione, tra cui l’area disabilità.

Linee guida  salute, politiche sociali e abitative

Accordo di volontariato per le famiglie con minori da 0 a 13 anni 

Attivo nei comuni di Monastier di Treviso, Roncade e San Biagio di Callalta con lo scopo di implementare e sostenere quanto già efficace nel territorio, l’Accordo di volontariato promuove l’applicazione di un welfare sostenibile volto alla costruzione di politiche e iniziative che, mirando alla valorizzazione della famiglia, promuovono la conciliazione tra tempi di vita e tempi di lavoro. L’accordo è in linea con il Piano Nazionale per la Famiglia (Consiglio dei Ministri – 07.06.2012).

Accordo di volontariato per le famiglie con minori da 0 a 13 anni 

Centro Giovani del Municipio I Roma Capitale

Il Municipio I Roma Centro ha istituito il Centro Giovani, uno spazio di incontro, formazione e condivisione rivolto ai giovani della città di Roma. È il primo spazio istituzionale della città capitolina espressamente dedicato ai giovani, voluto dalla Presidente Sabrina Alfonsi, per offrire una risposta alla grande domanda di luoghi dedicati alle attività giovanili che si sono registrate a Roma.

Deliberazione Istituzione e Regolamento del Centro Giovani

Deliberazione Comitato di Gestione del Centro Giovani

Piano sociale 2015-2020 della città di Palermo

In un’ottica di sviluppo e innovazione culturale e sociale della città, l’Assessorato alla Cittadinanza Solidale del Comune di Palermo promuove un Piano sociale cittadino, un progetto sperimentale che, in un’ottica multidimensionale, si adopera alla definizione di una programmazione di attività determinate al miglioramento della qualità della vita, con la partecipazione diretta dei cittadini attraverso l’esercizio dei diritti di cittadinanza.

Piano sociale 2015-2020 della città di Palermo

Linee guida di inclusione per bambini con disabilità 

La guida, che si presenta come la revisione di una prima versione elaborata nel 2014, è elaborata dal Comune di Torino e ha come obiettivo quello di informare ed orientare le famiglie dei bambini disabili sulle opportunità e sulle attività offerte all’interno dei servizi comunali e sulle sperimentazioni in atto riguardo l’inclusività delle nuove pratiche pedagogiche.

Genova – Linee guida inclusione bambini con disabilità

Report sull’integrazione degli alunni con disabilità

Il documento, redatto dall’ufficio Stakeholder Engagement del Comune di Genova, riporta i dati di un’indagine di customer satisfaction e di un focus group di approfondimento sull’adeguatezza dei servizi forniti, durante il mese di aprile 2017, ai bambini disabili nel contesto scolastico e alle loro famiglie.

Genova – Report integrazione alunni disabilità

Misure attuate dalla rete SIPROIMI per contrastare il virus Covid-19

n relazione alle straordinarie esigenze determinate dall’emergenza sanitaria, è stato temporaneamente previsto che le strutture disponibili della rete SIPROIMI possano essere dedicate all’accoglienza di richiedenti asilo, titolari di protezione umanitaria e altre fasce deboli della popolazione, ma anche la possibilità che tutti i cittadini stranieri già inseriti nella rete possano continuare la permanenza in accoglienza.

DECRETO-LEGGE 17 marzo 2020, n. 18

DECRETO-LEGGE 19 maggio 2020, n. 34 

L’agricoltura sociale. Un’agricoltura multifunzionale per lo sviluppo di interventi e servizi socio-sanitari

Il Servizio Centrale del SIPROIMI nel 2019 ha elaborato un dossier che, ricomponendo un quadro d’insieme in materia di agricoltura sociale, fornisce informazioni utili alle progettualità SIPROIMI per un orientamento di base che possa contribuire allo sviluppo di azioni e attività in quest’ambito. Negli anni, infatti, il sistema SIPROIMI, così come l’agricoltura sociale, hanno potuto sviluppare molteplici pratiche e modelli per una maggiore conoscenza e comprensione del territorio, dei comportamenti sociali, del disagio e dei bisogni, generando un sapere comune.

SIPROIMI – L’agricoltura sociale.

PROTOCOLLO D’INTESA RETE DONNA 2019

Il Comune di Matera insieme alle Forze dell’Ordine, le strutture sanitarie e tutta una rete di organizzazioni locali ha definito un protocollo di sostegno, aiuto e prevenzione in materia di violenza di genere.

Protocollo Rete Donna

Richiesta predisposizione di un piano per la gestione del rischio di violenza di genere

Il Comune di Cagliari, in considerazione delle situazioni connesse al rischio epidemiologico ha predisposto un piano per la gestione delle situazioni di violenza di genere durante il periodo di quarantena per Covid-19

Piano gestione rischio violenza genere

Una cassetta degli attrezzi per la costruzione di politiche pubbliche partecipate e condivise

In un percorso di accompagnamento alla conoscenza e all’utilizzo degli strumenti previsti dal Codice del Terzo settore la Regione Emilia-Romagna, con il supporto dell’Agenzia Regionale Socio-sanitaria e di ARTER, raccoglie in un documento, organizzate in una sorta di “cassetta degli attrezzi”, alcune bozze di atti per l’attivazione di procedimenti di co-programmazione e co-progettazione, di stipula di convenzioni e di valorizzazione di beni culturali immobili.

Documento complessivo 21_10_2019

Welfare rurale e sviluppo Piccoli Comuni del Welfare

Il documento di sintesi dell’evento organizzato dalla Rete dei Piccoli Comuni del Welcome con ANCI e la Fondazione Cittalia, tenutosi a gennaio 2020 e dedicato al welfare rurale e lo sviluppo dei Piccoli Comuni, elabora una mappa cognitiva del valore delle reazioni sociali e avanza proposte per la ridefinizione delle politiche sociali, indicando inoltre le azioni per rafforzare il sistema locale e per l’elaborazione di un masterplan locale per lo sviluppo economico e sociale dei piccoli Comuni. 

Welfare rurale e welfare dei piccoli comuni

Rapporto di monitoraggio sulle politiche per la famiglia dei comuni italiani

Realizzato dall’Istituto degli Innocenti di Firenze nell’ambito delle attività previste dall’accordo di collaborazione col Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Rapporto è stato elaborato partendo da alcuni questionari compilati tra maggio e luglio 2018 dai comuni interessati allo scopo di approfondire le tipologie di azioni intraprese a livello locale in risposta alle esigenze dei minori e delle loro famiglie.
Minori monitoraggio comuni

I servizi sociali al tempo del coronavirus: una raccolta di pratiche dai comuni italiani

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e l’Anci, con il supporto della Banca Mondiale, a maggio 2020 hanno lanciato una rilevazione raccogliendo più di 200 pratiche territoriali messe in atto dai comuni che, oltre a fotografare il cambiamento del lavoro degli operatori dei servizi sociali territoriali a seguito dell’emergenza Covid-19, forniscono suggerimenti per definire nuove modalità di lavoro idonee a condizioni emergenziali e spunti utili alla contaminazione di pratiche e servizi tra i territori.

I Servizi Sociali al tempo del Coronavirus

L’affidamento dei servizi sociali alla luce degli articoli 47, 48 e 103 del d. l. n. 18/2020 (27 aprile 2020)

ANCI, in collaborazione con Fondazione IFEL e ANCIComunicare, dedica un ciclo di tre webinar al tema dell’affidamento dei servizi sociali, direttamente interessati dalle disposizioni del distanziamento sociale. Nella prima sessione formativa viene affrontato il tema del rapporto fra la continuità dei servizi alla persona e l’impatto della normativa d’emergenza, conseguente alla situazione di emergenza da Covid-19, di cui al decreto-legge n. 18/2020 (c.d. Decreto Cura Italia), con indicazioni pratiche per garantire la continuità dei servizi anche nella fase successiva al superamento della situazione emergenziale.

Scarica le slide e rivedi la registrazione alla pagina web della Fondazione IFEL

Slide Affidamento dei Servizi Sociali

L’affidamento dei servizi sociali nel contesto di emergenza dopo la legge 27/2020 (7 maggio 2020)

Questo webinar – che si apre con un inquadramento generale della legge n. 27/2020 di conversione, con modificazioni, del decreto-legge n. 18/2020 – tratta il tema della rimodulazione dei servizi mediante co-progettazione ai sensi dell’art.48 e vengono analizzati tutti gli altri strumenti a disposizione degli enti locali nella gestione dell’emergenza sanitaria.

Scarica le slide e rivedi la registrazione alla pagina web della Fondazione IFEL

Slide Affidamento Servizi Sociali in contesto di emergenza

Long term contracts PPP

Programmare e progettare le procedure di affidamento per oltrepassare la crisi (13 maggio 2020) 

Nella terza ed ultima sessione formativa si affronta il tema della programmazione delle procedure di affidamento dei servizi sociali e dell’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati, quali possibili strumenti per contribuire ad oltrepassare la situazione di crisi dovuta alla situazione emergenziale.

Scarica le slide e rivedi la registrazione alla pagina web della Fondazione IFEL

Slide Programmare e progettare procedure di affidamento

La programmazione e la progettazione dei servizi sociali fra Codice dei contratti pubblici, legislazione regionale e regolamentazioni comunali (27 febbraio 2019)

Realizzato dalla Fondazione IFEL e dedicato alle procedure di affidamento nel settore dei servizi alla persona e dell’inserimento lavorativo, in questo webinar sono state analizzate le singole fasi delle procedure di affidamento dei contratti pubblici, tenendo conto sia della disciplina generale prevista dal Codice dei contratti, sia della legislazione statale e regionale di settore, approfondendo le possibilità per gli enti locali di implementare questa disciplina sul piano regolamentare.

Scarica le slide e rivedi la registrazione alla pagina web della Fondazione IFEL

Slide – La programmazione e la progettazione dei servizi sociali

Affidamento dei servizi sociali: la valutazione delle offerte e il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa (27 marzo 2019)

Nel corso del webinar si è approfondita la fase di valutazione delle offerte, con un focus sul criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Inoltre sono state prese in esame la giurisprudenza più recente e rilevante, il procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta e l’esecuzione contrattuale.

Scarica le slide e rivedi la registrazione alla pagina web della Fondazione IFEL

Slide – Affidamento servizi sociali. La valutazione

Affidamento dei servizi sociali: i requisiti di partecipazione alle gare e le forme di partecipazione (11 marzo 2019)

Dopo un inquadramento generale dei requisiti di partecipazione alle gare, la formazione è proseguita con l’approfondimento delle forme di partecipazione ammissibili, come le ATI, le cooperative sociali e i consorzi, gli avvalimenti, i contratti di rete e i subappalti. 

Scarica le slide e rivedi la registrazione alla pagina web della Fondazione IFEL

Slide – Affidamento servi sociali. I requisiti

 SIPROIMI ed emergenza COVID-19: ammissibilità delle spese nella riorganizzazione dei servizi di accoglienza e modalità di rendicontazione (5 giugno 2020)

Nel corso del webinar realizzato dal Servizio Centrale SIPROIMI, in collaborazione con Fondazione IFEL, ANCI e Fondazione Cittalia, viene illustrata la modalità di rendicontazione relativa all’anno 2020 in relazione alle norme e alle circolari diffuse alla rete SIPROIMI negli ultimi mesi, anche in relazione all’emergenza sanitaria Covid-19.

Scarica le slide e rivedi la registrazione alla pagina web della Fondazione IFEL

Slide SIPROIMI 2020 06 05

Vademecum Autismo e Covid-19

L’Azienda Sanitaria di Bari, in sinergia con l’amministrazione comunale e in un’ottica di integrazione socio-sanitaria, nel periodo di emergenza sanitaria ha elaborato un breve vademecum per fornire indicazioni e suggerimenti ai familiari di persone autistiche utile ad affrontare al meglio le difficoltà già esistenti , ma amplificate dal Covid-19.

Autismo e Covid-19