Per offrirti una migliore esperienza possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Firmata intesa tra Miur, Cittalia e Comitato 3 Ottobre per permettere agli studenti e ai richiedenti asilo di conoscersi In evidenza

In occasione dell’incontro di oggi 23 gennaio 2018 del ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli con le ragazze e i ragazzi del progetto “L’Europa inizia a Lampedusa” è stato firmato un protocollo d’intesa tra Miur, Cittalia e Comitato 3 Ottobre atto a promuovere, come recita il titolo del documento, "attività di sensibilizzazione sui processi di accoglienza e di integrazione".

23 Gen 2018 0 comment

A questo accordo voluto per "creare occasioni di scambio interculturale e conoscenza reciproca tra studenti italiani e migranti, rifugiati e richiedenti asilo , loro coetanei" e "migliorare il livello di conoscenza sul sistema di accoglienza italiano ed europeo" hanno partecipato oltre al ministro Fedeli anche Tareke Brhane, presidente del Comitato 3 Ottobre, nato dopo il naufragio del 3 ottobre 2013 al largo di Lampedusa, e Luca Pacini, direttore di Cittalia.

Erano presenti anche Maria Assunta Rosa, autorità Responsabile FAMI, Salvatore Martello, sindaco di Lampedusa e di Linosa e Carlotta Sami, portavoce UNHCR per il Sud Europa.

Durante l’evento di oggi, il secondo di una due giorni di dibattiti ed incontri, i ragazzi del progetto promosso dal Miur in collaborazione con il Comitato 3 Ottobre (con l’impegno del Fondo Asilo Migrazione e Integrazione (Fami) gestito dal Ministero dell’Interno) che ogni anno in autunno porta un nutrito gruppo di studenti sull’isola di Lampedusa per promuovere la cultura dell’accoglienza attraverso l’incontro con i migranti ospitati nelle strutture di accoglienza, hanno portato all’attenzione di tutti le loro esperienze dirette e le loro idee per migliorare il progetto e rafforzarlo a livello europeo.

E’ in questo scenario che si è giunti alla firma del protocollo. Uno degli obiettivi è di organizzare occasioni di reciproco scambio culturale anche attraverso iniziative congiunte dentro e fuori la scuola che veda coinvolti tutti per un dialogo interculturale e uno scambio di conoscenza reciproca con i richiedenti asilo. Nel testo si prevede che gli stessi richiedenti asilo possano andare nelle scuole per raccontare le loro storie personali e fare in modo che i ragazzi facciano esperienza indiretta di cosa significa lasciare il proprio paese per cercare una vita migliore in un altro.

 

Leggi il Protocollo d'intesa

 

spacer

Newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato sulle rubriche Cittalia? Iscriviti alla nostra mailing list e riceverai la raccolta dei temi principali del nostro portale con cadenza quindicinale

Contatti

Via delle Quattro Fontane, 116 - Roma
T: 06.76980811
F: 06.87755008

Dove siamo